I social servono agli e-commerce? Certo che si!

I social servono agli e-commerce? Certo che si! | MG

I social servono agli e-commerce? Certo che si! | MG

Al giorno d’oggi la spesa di marketing (anche nel campo e-commerce) sui social media costituisce una piccola frazione della maggior parte dei budget messi in piedi dalle aziende. Una recente indagine della Duke University ha scoperto che, in media, la spesa sui social media rappresenta solo il 9% del bilancio complessivo. Questo numero è destinato però a crescere fino a quasi il 22% nei prossimi cinque anni.

Gli addetti al marketing per e-commerce riconoscono, ovviamente, il potere dei social media per connettersi con la clientela. Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram e Pinterest sono quasi onnipresenti nella nostra vita: li utilizziamo per comunicare, per trovare le informazioni velocemente, e sempre più, anche per cercare prodotti e fare acquisti.

Per le aziende che fanno business nel web, una strategia di social media marketing efficace rappresenta un valore reale. I social network offrono nuovi modi per raggiungere potenziali clienti, coinvolgono e premiano i clienti esistenti e mostrano al meglio ciò che il vostro marchio ha da offrire. Ormai i profili social della vostra azienda ed il contenuto che condividete tramite essi sono molto importanti per tutti quei business che vogliono curare il proprio biglietto da visita online.

Perché?

I social network stanno evolvendo dalla semplice definizione di luoghi in cui trovare e distribuire contenuti; i social stanno diventando anche portali di commercio elettronico. Le aziende che stanno integrando i social media nella loro strategia di marketing – dall’acquisizione di nuovi clienti, alle vendite, alla creazione di campagne personalizzate – incominciano a trarne un ottimo beneficio. Ecco quindi 3  aiuti che vi permetteranno di massimizzare i risultati del vostro e-commerce:

Ricercate attentamente i clienti e poi… coinvolgeteli

Vai dove sono i clienti. Questa rappresenta una massima di marketing e non è mai stata più facile da realizzare rispetto ad oggi. Ci sono diversi mezzi di comunicazione social che possono migliorare il modo di interagire con i clienti, siano essi nuovi acquirenti o fedelissimi. Ecco alcuni esempi:

La ricerca del cliente: gli addetti al marketing possono vedere in tempo reale le necessità dei potenziali clienti, i loro interessi, le conversazioni che stanno avendo e quello che piace. Usate i social network per segmentare al meglio l’audience e comprendere la demografia di destinazione. Questo vi aiuterà ad ottimizzare le campagne ed a fornire una comunicazione più mirata.

Il servizio clienti: l’immediatezza è la caratteristica principale dei social media; tutti noi vogliamo informazioni e le vogliamo ora. È per questo che le reti social funzionano così bene per il servizio clienti. Consentono alle aziende di rispondere rapidamente alle richieste dei clienti. Inoltre, i social facilitano l’individuazione e la risposta all’esperienze spiacevoli dei clienti. E’ quindi fondamentale sviluppare una strategia corretta per rispondere alle richieste dei clienti attraverso i social media, sia nelle situazioni piacevoli che non.

L’acquisizione di nuovi clienti: il vostro profilo social è la vostra vetrina virtuale. I potenziali clienti utilizzano ormai i social network per la ricerca delle aziende e dei prodotti. Facebook, Google +, LinkedIn e tutti gli altri profili social forniscono l’occasione perfetta per fare una buona impressione. Partite con ottimizzare i profili e rendete le informazioni importanti facile da trovare. Inoltre, incoraggiate i clienti esistenti a seguirvi sui social e, ancor meglio, a scrivervi qualche bella recensione.I social servono agli e-commerce? Certo che si! | MG

Il coinvolgimento del cliente: Non pensate che i social media siano un altro modo per generare vendite e traffico. Utilizzate queste piattaforme per dimostrare il valore e consolidare gli sforzi di marketing che avete fatto. Date un’occhiata al produttore di fotocamera GoPro su Facebook: molto raramente il contenuto dei post viene progettato per vendere il prodotto. I loro post, invece, evidenziano la qualità dei video e delle foto scattate con le loro macchine fotografiche, andando quindi a rafforzare in modo efficace il brand. Sviluppate una strategia di social content progettata per evidenziare la particolarità che contraddistingue e rende unico (o quasi) il vostro brand. E ricordate che non c’è bisogno di fare tutto da soli: ci sono molti tool online in grado di aiutarvi.

Utilizzate la pubblicità a pagamento per il vostro e-commerce (ottimizzandola correttamente)

I giorni in cui fare una comunicazione efficace sui social senza investire un centesimo, stanno per finire. Facebook, Twitter e LinkedIn hanno fatto della pubblicità a pagamento una parte molto importante delle loro attività. Coloro che si occupano del marketing in campo e-commerce ormai devono costantemente aumentare il budget per la pubblicità a pagamento per raggiungere lo stesso pubblico. Ci sono però alcuni vantaggi che riguardano la pubblicità a pagamento sui social network:

La segmentazione sta diventando più efficace. Pensateci… Facebook e LinkedIn hanno reso la vita agli addetti del marketing molto più facile, aiutandoli a segmentare la clientela, per età, posizione, interessi, titolo di lavoro e molto altro ancora. Shopify, un servizio di e-commerce on-line, ha visto una riduzione del 50 per cento in termini di costi per potenziale cliente, grazie alla personalizzazione dello strumento di segmentazione del pubblico di Facebook.

I video adv stanno diventando sempre più sofisticati. Un recente studio ha rilevato che YouTube ha aiutato tutti i social a migliorare la loro capacità di convertire gli utenti.

Perché?

In primo luogo, il video è un fantastico modo per mostrare in lungo ed in largo il vostro prodotto. I consumatori ormai ricercano molto più a fondo i prodotti che acquistano online, ed i video forniscono un modo interattivo per valutare meglio il prodotto prima di acquistarlo. Inoltre il video è molto più coinvolgente rispetto al testo, e quando l’audience viene coinvolta, la conversione è dietro l’angolo.

L’analisi dei dati social è più accurata. Stanno nascendo online sempre nuovi tool che consentono agli addetti di marketing di misurare ogni aspetto delle loro campagne social – configurazione ed utilizzo delle pagine, gestione dei contenuti social e coinvolgimento dei target. Questi tipi di strumenti di analisi dei dati aiutano ovviamente anche nel campo e-commerce.

I contenuti vengono distribuiti meglio. Ogni brand può essere un editore, ed oggi, chiunque abbia una connessione Internet ed un profilo social è un editore. Facciamo l’esempio di Starbucks, la nota catena americana di caffetterie: essi non si limitano a vendere il caffè, ma su Instagram sono veramente delle star e sono uno dei brand più seguiti nei social.

I social servono agli e-commerce? Certo che si! | MGOggi è estremamente facile per le aziende generare contenuti e distribuirli direttamente al loro pubblico. Possiamo riprendere il caso della GoPro. Hanno creato un coinvolgimento pazzesco, andando a pubblicare sul canale video girati con la nota fotocamera, sia da dilettanti sia dal team di GoPro. Questo contenuto è spesso condivisibile, coinvolgente e crea molta visibilità al brand. Infatti il brand GoPro ha un seguito stellare sia su Facebook, Twitter ed Instagram.

Ovviamente è più facile condividere un video di sport estremi rispetto, ad esempio, una foto di vitamine, ma i social network si aprono ad infinite possibilità di distribuzione di contenuti. Utilizzate i social network per mostrare il vostro brand e distribuire i contenuti migliori (foto, video, infografiche, articoli). Se un tipo di contenuti non funzionerà per la vostra nicchia, allora è giusto provare a cambiare fino a trovare quello che calza meglio con il vostro brand.

Inoltre, la cura dei contenuti – trovare cioè contenuti più utili ed interessanti su un particolare argomento – crea valore per il vostro pubblico. Leggevo ad esempio dal blog di Shopify… STORQ, una nota società che vende vestiti alla moda per le mamme in attesa, cura molto i contenuti relativi alla gravidanza. Inoltre la loro attività di email marketing crea un valore REALE per il loro target di riferimento. Utilizzando quindi la “content curation” la vostra azienda acquista valore e credibilità, e fornisce ai potenziali clienti un altro motivo per seguire il vostro brand.

Fate continui test ed anticipate le tendenze

Come ho già detto, non è mai stato facile come oggi raggiungere il pubblico. Però i social sono giornalmente “bombardati” da un fiume di contenuti ed ormai c’è bisogno di strategie di web marketing mirate e più intelligenti.

E’ giusto sperimentare continuamente il modo di interagire con i clienti, di pubblicizzare e di pubblicare i contenuti. Ormai, utilizzando tutti i tool che il web ci mette a disposizione, possiamo migliorare di giorno in giorno il nostro approccio.

Insieme alla mia azienda, Emoe, sviluppo siti e-commerce studiando SEMPRE la corretta strategia per gli obiettivi prefissati. Se vi serve un valido alleato per il vostro e-commerce non vi rimane che contattarci!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mostra i commenti sul post

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.